Tachicardia cause

Tempo di lettura: 3 minuti

La tachicardia è un aumento della frequenza cardiaca oltre i 100 battiti al minuto o più semplicemente è quando sentiamo il nostro cuore battere più velocemente del solito.

In questo articolo sull’ elettrocardiogramma abbiamo spiegato cos’è l’attività del cuore

Le principali cause della tachicardia sono:

  • esercizio fisico intenso
  • stress improvviso, come la paura
  • anomalie o malattie congenite del cuore
  • problemi di pressione come ipotensione o ipertensione
  • abuso di alcol, fumo o bevande con caffeina
  • iperattività della tiroide (ipertiroidismo)
  • malattie cardiovascolari che provocano danni al tessuto del cuore

In questo articolo cercheremo di fare chiarezza su che cos’è la tachicardia, come riconoscerla e quali sono gli esami diagnostici che ci permettono di monitorarla.

Tachicardia cos’è e quali sono i tipi più comuni

Come abbiamo detto la tachicardia è un aumento dei battiti del cuore fuori dal normale ma non per forza rappresenta un problema da curare.

Infatti la tachicardia si verifica temporaneamente anche durante l’attività fisica, a causa dello stress o durante malattie come la febbre (tachicardia sinusale). In questi casi la tachicardia non rappresenta un pericolo da approfondire.

Se invece l’aumento del battito cardiaco avviene a riposo ( tachicardia a riposo ) o fuori dalle cause dette prima allora potremmo essere di fronte ad una tachicardia da controllare che può essere una vera e propria malattia.

Quali sono i tipi più comuni di tachicardia?

Ci sono molti tipi di aritmia ovvero di tachicardia patologica, i più comuni sono:

  • tachicardia ventricolare
  • fibrillazione ventricoalre
  • tachicardia parossistica sopraventricolare 
  • fibrillazione atriale
  • flutter atriale

Vediamo un po’ più nel dettaglio queste tipologie di aritmie.

La tachicardia ventricolare consiste in un aumento del ritmo cardiaco che si genera dai ventricoli ovvero le camere inferiori del cuore e produce una frequenza cardiaca superiori a 120 battiti al minuto, quando la normale dovrebbe essere tra i 60 e i 100. Di solito chi è affetto da questa aritmia può presentare debolezza, sensazione di stordimento e/o fastidio toracico.

La fibrillazione ventricolare è una aritmia caotica che impedisce ai ventricoli di contrarsi correttamente, e se non si interviene immediatamente con un defibrillatore può portare alla morte. Si può verificare in seguito ad un infarto. La maggior parte delle persone che soffre di fibrillazione ventricolare ha una malattia cardiovascolare (cardiopatia).

La tachicardia parossistica sopraventricolare è caratterizzata da una tachicardia improvvisa che innalza la frequenza cardiaca e poi cessa in poco tempo. Se invece l’aritmia dura per più tempo rappresenta un problema, in quanto il cuore non riesce a pompare il sangue nelle arterie in modo efficiente e può portare anche ad una fibrillazione ventricolare.

La fibrillazione atriale è rappresentata da impulsi elettrici irregolari nella camera superiore del cuore (atri) che causano contrazioni rapide e non regolari e non coordinate degli atri. E’ temporanea ma può anche stabilizzarsi se non curata per tempo, è la tachicardia più diffusa e si verifica principalmente con l’avanzare dell’età o su soggetti predisposti a malattie cardiovascolari.

Il flutter atriale è simile alla fibrillazione atriale ma gli atri si contraggono ad alta frequenza in modo ritmico, i sintomi sono gli stessi e possono risolversi da soli o richiedere una terapia specifica.

tachicardia cause

Tachicardia sintomi

Durante una tachicardia l’irregolare apporto di sangue agli organi e ai tessuti può creare carenze d’ossigeno generando i seguenti sintomi:

  • svenimento (sincope)
  • dolore al petto
  • respiro corto
  • palpitazioni

In alcuni casi la tachicardia non genera sintomi visibili, ma viene scoperta solo grazie ad un esame specifico come l’ elettrocardiogramma o l’ holter cardiaco che monitorano i battiti del cuore. Il primo esame fa una “fotografia” al momento della rilevazione, mentre l’ holter consiste in una rilevazione continua per un minimo di 24 ore.

Quali sono le differenze tra tachicardia ansiosa e cardiologica?

Gli elementi che ci permettono di distinguere la tachicardia da ansia da quella cardiologica sono:

  • la frequenza e ritmo del battito cardiaco
  • come avviene e come cessa
  • vari sintomi di accompagnamento

Se la frequenza cardiaca si attesta sotto i 130 battiti al minuto ma regolare, è probabile che si è in presenza di una tachicardia ansiosa, se invece si superano i 150/200 battiti al minuto e si ha un ritmo irregolare siamo in presenza di una tachicardia cardiologica.

Anche il modo in cui avviene e cessa la tachicardia può aiutarci a capire in che caso ci troviamo: la tachicardia nell’attacco di panico è graduale così come lo è la remissione. Nelle aritmie invece si passa velocemente da un ritmo normale a un ritmo di circa 150 battiti al minuto, e la scomparsa è repentina.

Infine i sintomi collaterali per distinguere le due tachicardie sono: la presenza di dolori/fastidi al petto che si riscontrano generalmente nelle aritmie, e la presenza di paura e preoccupazione nella tachicardia ansiosa.

 

spirometria cosa serve

Come si cura e previene la tachicardia

Un battito cardiaco accelerato può rallentarsi:

  • da solo
  • mettendo in atto alcune manovre specifiche ( manovre vagali )
  • con farmaco antiaritmico prescritto dal cardiologo
  • con cardioversione

Le manovre vagali da eseguire durante gli episodi di tachicardia stimolano il nervo vago, che partecipa alla regolazione del battito cardiaco, e richiedono di: tossire, premere sull’addome in corrispondenza dello stomaco o applicare un impacco di ghiaccio sul viso per rallentare il battito cardiaco.

La cardioversione è una procedura con cui il cuore è stimolato da impulsi elettrici trasmessi da un defibrillatore automatico esterno (DAE). La stimolazione del DAE ripristina un ritmo cardiaco normale. Il defibrillatore è generalmente utilizzato in caso di emergenza o quando i farmaci non siano risultati efficaci.

Per prevenire la tachicardia bisogna seguire uno stile di vita sano e regolare che riduce il rischio di problemi cardiovascolari. Pertanto:

  • seguire un’alimentazione varia e bilanciata
  • non fumare
  • mantenere la pressione arteriosa entro i livelli normali (120/80 mm Hg, tenendo conto che i range pressori normali variano con l’età)
  • svolgere una moderata e regolare attività fisica.

Inoltre nei casi gravi o più soggetti a problemi cardiaci si può ricorrere anche ad interventi come: ablazione transcatetere, l’ applicazione di un pacemaker o un cardioverter impiantabile. Questi interventi servono per mantenere sotto controllo l’attività elettrica del cuore e a regolare i battiti.

Quali sono gli esami diagnostici per monitorare le aritmie?

Esistono diverse tipologie di esami diagnostici per controllare la tachicardia che possono essere prescritti dal medico curante, dal cardiologo o eseguiti in autonomia.

Due sono gli esami di prima istanza che vanno eseguiti per un primo controllo: l’ elettrocardiogramma e l’ holter cardiaco , entrambe monitorano la frequenza cardiaca con la differenza che l’ elettrocardiogramma esegue una misurazione istantanea al momento dell’esame, mentre l holter cardiaco è un apparecchio che permette di misurare la frequenza cardiaca per un minimo di 24 ore, per avere un quadro più completo e preciso.

Con noi di diagnostica medica veloce puoi eseguire sia l’elettrocardiogramma che l’holter cardiaco direttamente a domicilio, con prenotazioni immediate e risultati in massimo 24 ore.

Puoi prenotare il tuo esame diagnostico a domicilio direttamente tramite emailtelefono o whatsapp e concordare con noi la data, ora e luogo in cui eseguire l’analisi.

Email [email protected]dicaveloce.it

Tel. 3349866494

Whatsapp 3347229925

Il Servizio di analisi a domicilio è attivo dal Lunedì al Sabato dalle 08:00 alle 19:00. Qualora si necessiti del servizio in differenti orari potete esporci la vostra esigenza e cercheremo di soddisfare la richiesta nel migliore dei modi

I risultati della spirometria, saranno disponibili entro 24 ore, verranno spedi tramite email all’indirizzo fornito in fase di prenotazione

Il pagamento avverrà comodamente on-line tramite PayPal o carta di credito o altrimenti con Pos direttamente a casa tua.

Zone coperte dal servizio di analisi mediche a domicilio

Il nostro servizio di analisi mediche a domicilio copre la zona di Roma e dei Castelli Romani nello specifico: • Roma all’interno del GRA • CiampinoFrascatiGrottaferrataMarinoAricciaNemiGenzanoRocca priora.

Per maggiori informazioni sulla zona di copertura contattaci e facci sapere dove vorresti avere il servizio.

Prenota la tua analisi
diagnostica medica veloce paypal pagamento
diagnostica medica veloce stripe pagamento

Informazioni Utili

  • infermiere diagnostica medica veloce

infermiere a domicilio

Cosa fa un Infermiere a Domicilio? Tempo di lettura: 3 minuti L'infermiere a domicilio anche definito infermiere di famiglia, è un professionista sanitario specializzato che interviene direttamente a casa del paziente [...]

  • pressione alta diagnostica medica veloce dmv2

Pressione alta

Pressione alta cosa significa Tempo di lettura: 2 minuti La pressione alta o anche detta ipertensione, non è altro che un aumento fuori dai valori normali della pressione arteriosa. La pressione arteriosa [...]

  • apnea notturna

Apnea notturna

Apnea notturna cos'è Tempo di lettura: 2 minuti Quando avviene un arresto della respirazione durante il sonno, siamo in presenza di un' apnea notturna, che può dividersi in apnea centrale o apnea ostruttiva ( [...]