Elettrocardiogramma cos’è?

Tempo di lettura: 1 minuto

Si chiama elettrocardiogramma o ECG l’esame che, attraverso uno strumento detto elettrocardiografo, registra l’attività elettrica del cuore, trasformandola da energia elettrica a meccanica riportandola graficamente su carta millimetrata.

Il tracciato così ottenuto consente di capire se il cuore funziona in maniera corretta, oppure se sono presenti anomalie.

Ma che cos’è l’attività elettrica misurata dall’elettrocardiogramma (ECG)?

Cos’è l’attività elettrica del cuore?

Possiamo dividere il cuore in quattro cavità: atrio destro e sinistro, ventricolo destro e sinistro.

Il sangue, dopo avere ossigenato gli organi, arriva all’atrio destro e passa al ventricolo destro che lo pompa ai polmoni, dove si ricarica di ossigeno.

Dai polmoni il sangue torna al cuore attraverso l’atrio sinistro e, passando al ventricolo sinistro, viene ripompato in circolo.

flusso del sangue nel cuore

Gli impulsi elettrici vengono generati dalla differenza di potenziale elettrico tra interno (carica positiva) ed esterno (carica negativa) delle cellule.
Quando la differenza aumenta si parla di iperpolarizzazione, che sul grafico corrisponde a un’onda con picco positivo, ossia verso l’alto. 
Al contrario se la differenza  di potenziale diminuisce, siamo di fronte a una depolarizzazione e l’onda sul grafico sarà verso il basso.

Questa carica elettrica, che è la sommatoria delle piccole cariche prodotte da ogni singola cellula cardiaca, viene rilevata dagli elettrodi che si applicano sulla cute durante l’ elettrocardiogramma (ECG).

Come leggere un elettrocardiogramma?

Il grafico dell'elettrocardiogramma
elettrocardiogramma normale diagnostica medica veloce

Vediamo come si legge un elettrocardiogramma (ECG)?

Sull’asse delle X troviamo il tempo (5 quadrati grandi=1 secondo), su quello delle Y la tensione elettrica (2 quadrati grandi=1 millivolt)

Ogni tratto corrisponde a un evento del ciclo cardiaco:

2.ONDA P-Depolarizzazione atriale

3.SEGMENTO PR-La depolarizzazione raggiunge i ventricoli

4.SEGMENTO QRS-Depolarizzazione ventricolare

5.SEGMENTO ST – Intervallo prima della ripolarizzazione vetricolare

6. ONDA T- Ripolarizzazione ventricolare

come leggere elettrocardiogramma diagnostica medica veloce

Come deve essere un elettrocardiogramma normale?

In teoria ogni tratto dovrebbe avere forma e durata stabiliti, se il grafico si discosta dallo standard è probabile che sia presente qualche problema.

Ecco i punti principali da controllare (N.B. L’elettrocardiogramma va sempre fatto vedere e interpretato da un cardiologo, quelle di seguito sono solo indicazioni generiche)

  • La distanza tra 2 picchi R dovrebbe essere all’incirca di 3-4 quadrati grandi. Quando è troppo breve si è in presenza di tachicardia, al contrario di tachicardia, quando invece è irregolare c’è una fibrillazione atriale (battito alterato)
  •   La frequenza cardiaca (numero di battiti al minuto) si ottiene in due modi diversi, a seconda che i segmenti RR siano regolari o meno :  Nel primo caso si divide 300 per il numero di quadrati grandi contati. Quindi se tra un picco R e l’altro conti sempre 3 quadrati grandi la frequenza cardiaca sarà 300/3, ossia 100. Nel caso invece di irregolarità si devono contare i picchi R presenti in 6 secondi (30 quadrati grandi) e moltiplicarli per 10. Quindi se in 6 secondi conti 9 picchi R puoi stimare che il cuore batta a una media di 90 battiti al minuto
  • Le onde P dovrebbero avere tutte la medesima durata, direzione e forma lungo l’intero tracciato
  • Il segmento PR dovrebbe essere costante 

Perché fare l’ elettrocardiogramma (ECG) ?

Fare l’elettrocardiogramma ci permetti di rilevare anomalie dell’apparato cardio-circolatorio come:

  • Aritmie cardiache (alterazione della frequenza cardiaca):
  • Bradicardia (<60 battiti al minuto)
  • Tachicardia (>100 battiti al minuto)

Vari tipi di Irregolarità del cuore

  • Ischemie/infarti del miocardio
  • Alterazioni strutturali delle cavità cardiache (es. cuore ingrossato, ecc)
  • Esiti di un precedente attacco di cuore.
  • Alterata conduzione elettrica
  • Funzionamento di dispositivi chirurgici che agiscono sul cuore (es. pacemaker, ecc)
  • Effetti dei farmaci sul cuore

Nella maggior parte dei casi, se prese per tempo, quando ancora lievi, queste anomalie possono essere curate per evitare complicazioni più gravi.

Per questo, l’elettrocardiogramma è un analisi che è buona norma inserire in una routine di prevenzione della propria salute, soprattutto superata una certa età.

CLICCA PER PRENOTARE IL TUO HOLTER PRESSORIO A DOMICILIO

Tipi di elettrocardiogramma (ECG)

Esistono diversi tipi di elettrocardiogramma che permettono di verificare l’attività del cuore in situazioni e modalità differenti:

  • elettrocardiogramma a riposo: è il più semplice e fotografa l’attività cardiaca al momento dell’analisi
  • Holter Cardiaco 24-48-72 ore o elettrocardiogramma Dinamico (Holter cardiaco cosa serve): permette di analizzare l’attività del cuore nel corso di una giornata o più, questo ci consente di avere informazioni molto più approfondite e dettagliate.
  • elettrocardiogramma sotto sforzo: è utilizzato per capire come lavora il cuore durante un attività molto intenza. Di solito è utilizzato per valutare l’idoneità all’attività fisica di un certo livello.

Come si esegue l’ elettrocardiogramma (ECG) a riposo?

L’ elettrocardiogramma a riposo è l’esame più semplice, ma non per questo meno importante in quanto ci permette di fare una fotografia dello stato di salute del nostro cuore ed eventualmente valutare esami più approfonditi come l’ elettrocardiogramma dinamico.

L’ elettrocardiogramma a riposo più diffuso è quello a 10 elettrodi, che rileva 12 derivazioni, ossia ci fornisce 12 punti di vista diversi, esattamente come se si fotografasse lo stesso soggetto nello stesso momento da diverse angolazioni. 

Possiamo infatti paragonare l’ elettrocardiogramma (ECG) a riposo a una fotografia dell’andamento elettrico dell’intero ciclo cardiaco al momento dell’esame.

Elettrocardiogramma cosa serve dmv

L’ elettrocardiogramma è un’analisi non invasiva e non dolorosa, non sarà necessaria alcuna preparazione ed è privo di rischi o controindicazioni.

Si esegue applicando degli elettrodi nell’area cardiaca ed agli arti. Gli elettrodi adesivi, che vengono applicati su paziente, sono 10: 4 si applicano agli arti, 6 al torace

Il paziente si sdraia in posizione supina e gli elettrodi vengono applicati sulla cute. Nel caso il paziente sia particolarmente villoso può essere necessario radere la zona per permettere una migliore aderenza degli elettrodi.
Inoltre durante l’esecuzione dell’esame il paziente non deve indossare accessori in metallo.

Dal momento in cui si applicano gli elettrodi a quello della stampa del grafico passa meno di un minuto.

 

CLICCA PER PRENOTARE IL TUO HOLTER PRESSORIO A DOMICILIO

Quando fare l’ elettrocardiogramma (ECG) ?

E’ consigliabile effettuare un elettrocardiogramma (ECG) non solo in caso di una patologia o problemi evidenti, ma anche per un semplice check-up medico o anche in caso di un intervento o particolari tipi di analisi, nello specifico:

  • Pregresso infarto cardiaco
  • Diagnosi di aritmie
  • Diagnosi di diabete
  • Diagnosi di ipertiroidismo
  • Diagnosi di ipertensione
  • Inizio attività sportiva
  • Operazioni chirurgiche
  • Sospetto problema cardiaco (per esempio spossatezza, dolore al petto, ecc)

Non è necessaria nessuna prescrizione medica per eseguire l’esame, ma può essere fatto contattando strutture come la nostra che eseguono l’ elettrocardiogramma a domicilio.

Dove fare l’ elettrocardiogramma (ECG) e quanto costa ?

L’ elettrocardiogramma (ECG) può essere effettuato in regime mutualistico, questa modalità richiede però solitamente tempi d’attesa molto lunghi anche di diversi mesi. In alternativa a pagamento presso uno studio privato.

In caso di urgenza viene effettuato anche in pronto soccorso, oppure ci si può rivolgere a servizi come il nostro.

Noi di Diagnostica Medica Veloce effettuiamo l’ elettrocardiogramma direttamente a domicilio su tutta Roma e Castelli Romani, presso l’abitazione di chi lo richiede, in totale sicurezza e con personale specializzato.

I tempi di attesa per avere l’appuntamento sono in media di un giorno e i risultati sono immediati e condivisi direttamente per email in formato pdf, facilmente condivisibile con il proprio medico.

Per quanto riguarda i costi, il ticket per effettuare l’ elettrocardiogramma (ECG) a riposo con il Sistema Sanitario Nazionale si aggira attorno ai 25 euro.

Da uno specialista privato il costo medio è circa 60 euro ma può arrivare oltre i 100 euro.

Con noi di Diagnostica Medica Veloce il costo per l’ elettrocardiogramma a domicilio è di 60 euro, comprensivo di referto con tracciato, redatto da un cardiologo specializzato.

Puoi prenotare il tuo elettrocardiogramma a domicilio direttamente tramite la piattaforma DMV in totale autonomia o tramite email, telefono o whatsapp e concordare con noi la data, ora e luogo in cui eseguire l’analisi.

Email prenotazioni@diagnosticamedicaveloce.it

Tel. 3347229925

Whatsapp 3347229925

Il Servizio di elettrocardiogramma a domicilio è attivo dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 16:00. Qualora si necessiti del servizio in differenti orari potete esporci la vostra esigenza e cercheremo di soddisfare la richiesta nel migliore dei modi

I risultati dell’ ECG a domicilio, saranno disponibili entro 24/48 ore*, verranno caricati direttamente dentro la propria area personale nella piattaforma DMV.

Zone coperte dal servizio di elettrocardiogramma a domicilio

Il nostro servizio di elettrocardiogramma a domicilio copre la zona di Roma e dei Castelli Romani nello specifico: • Roma  • CiampinoFrascatiAlbano GrottaferrataMarinoAricciaNemiGenzanoRocca priora • Velletri • Castel Gandolfo.

Per maggiori informazioni sulla zona di copertura contattaci e facci sapere dove vorresti avere il servizio.

ACCEDI PER PRENOTARE

Informazioni Utili